Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

ecommerce-1

Aprire un eCommerce sul proprio sito Web: quando si può usare WordPress?

Il web marketing è molto cambiato in questi ultimi anni, e questo ha letteralmente cambiato la vita, almeno quella professionale, ad alcune persone. Tra queste ci sono molti blogger, ragazzi con la passione per la scrittura e per un argomento specifico che hanno trovato l’interesse degli altri utenti e hanno costruito intorno alla loro persona delle vere e proprie community.

In questi casi, qualcuno ha addirittura lasciato il vecchio lavoro per dedicarsi a tempo pieno al proprio blog. Ma visto che, spesso, i guadagni che arrivano dalla pubblicità non bastano, ecco che si tenta di aprire un eCommerce in cui si vendono prodotti anche molto semplici, come le magliette, le tazze, le spille o comunque oggetti che hanno come scopo principale quello di garantire il supporto al gestore del blog.

In questi casi cosa bisogna fare? Si deve prendere un CMS adeguato per l’eCommerce, oppure è possibile continuare ad utilizzare quello che già si aveva sul blog, principalmente WordPress?

La risposta, come in molti casi accade, è dipende. Dipende essenzialmente, infatti, dal volume di traffico che abbiamo sul nostro sito web, e che diventa determinante per scegliere una oppure l’altra soluzione; perché i plugin per WordPress per la gestione degli eCommerce ci sono, e sono anche molto interessanti, ma è la struttura stessa a vacillare se dovessimo avere successo e quindi avere dei picchi di utenti che visitano il nostro sito.

Vantaggi di WordPress per gli eCommerce

Tra i vantaggi di WordPress per gli eCommerce, il primo è sicuramente che tutto continua a dipendere dal blog, in particolare l’ottimizzazione SEO, che non ha eguali. I plugin come WooCommerce, poi, sono semplici da integrare e da gestire, e garantiscono un filo diretto con le pagine dei contenuti di qualsiasi tipo.

Inoltre, sono presenti tantissimi temi, che si integrano spesso anche con quelli del blog principale, così da non stonare dal punto di vista della struttura: quando i prodotti non sono molti e le visite sono ben distribuite, è un sistema di gestione molto vantaggioso.

Svantaggi di WordPress per gli eCommerce

Gli svantaggi, essenzialmente, si fanno sentire per lo più quando l’eCommerce diventa preponderante sul resto del sito, perché le persone iniziano a conoscere il sito più per questo che per il resto.

In questi casi, si iniziano a vedere dei problemi di performance, come pagine lente a caricare, dovute al fatto che ci vogliono script appositi per la gestione di tante pagine diverse in contemporanea, una cosa che spesso WordPress non ha, essendo orientato al blog, pagine che si vedono con molta calma.

Inoltre, il problema essenziale è quello che far iscrivere gli utenti e avere i loro dati finanziari comporta anche una serie di rischi, per cui bisogna avere un supporto maggiore in sicurezza per la gestione degli eCommerce: in questi casi, quindi, è meglio ripiegare, anche a costo di perdere in visibilità (che, però, a questi livelli dovremmo già avere) su un CMS differente.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment