Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

Photo-18-mar-2016-1602.jpg

Come inserire Google Adsense su WordPress

Chiunque abbia un sito web, di qualsiasi tipo e per qualsiasi finalità, difficilmente lo tiene per motivi puramente estetici, giusto per far vedere di avere un sito: lo scopo principale è infatti quello di guadagnare, di monetizzare, di ricavare qualcosa dal nostro lavoro.

Per questo motivo, a meno che abbiamo un’azienda e il sito abbia essenzialmente uno scopo di “biglietto da visita”, per così dire, possiamo cercare di guadagnare qualcosa a partire dal nostro operato. Sappiamo tutti che la base per guadagnare in internet è la pubblicità, e la base per la pubblicità si chiama solitamente Google Adsense.

Non è la sola, chiaramente, ma è probabilmente la piattaforma più diffusa per la pubblicità online.

Google Adsense è una piattaforma che permette di visualizzare annunci pubblicitari inerenti a ciò di cui il nostro sito tratta, che se cliccati dagli utenti ci forniranno un piccolo guadagno, che può variare in base ai clic, e all’annuncio visualizzato.

Non è l’unico modo per avere un guadagno dal nostro sito, chiaramente, ma è una base da cui è possibile partire: infatti se uniamo questo metodo ad altri, come ad esempio le affiliazioni, sarà possibile far fruttare il nostro sito e riuscire, se non a guadagnare qualcosa, quantomeno a riprendere le spese della gestione.

Come si inserisce Google Adsense su un blog WordPress?

L’inserimento non è automatico, ma è basato su un plugin ufficiale, proposto da Google, che permette proprio di mettere gli annunci Adsense sui blog in WordPress. Si può trovare in questa pagina, ed è sufficiente installarlo sul proprio sito WordPress

Una volta inserito, ci sarà data la possibilità di inserire gli annunci; sarà il plugin stesso a determinare, in base alla struttura del sito, i punti migliori in cui inserirli, anche se ovviamente potremo scegliere diversamente in base alle nostre necessità.

Una cosa molto importante ed interessante è che con il plugin si possono inserire anche gli annunci nelle versioni mobile dei siti in WordPress: visto che la maggior parte dei temi di WordPress sono ottimizzati per la navigazione mobile (una cosa da cui non dovremmo mai prescindere, sempre fare attenzione all’ottimizzazione mobile) è sicuramente un’ottima cosa.

Il plugin ufficiale ha però anche delle limitazioni, ed è per questo che al suo fianco sono disponibili anche una serie di plugin a pagamento che permettono di gestire gli annunci in modo avanzato, ovviamente collegando il nostro account Adsense: come abbiamo detto prima, non sarà un modo per diventare ricchi, ma quantomeno ci permette, se abbiamo una buona base di traffico, di riprendere quantomeno le spese di gestione del sito.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment