Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-09set2015-1545.jpg

Perché è importante aggiornare i CMS sui nostri siti web

Quando gestiamo un sito internet, avremo sicuramente notato che a distanza di qualche mese riceviamo delle notifiche in cui ci viene chiesto di aggiornare il nostro CMS.

Il CMS, o Content Management System, è il programma che si trova sul sito stesso e che serve a gestire i contenuti, come articoli, pagine e immagini, del sito. Magari chiamarlo CMS non dice nulla, ma se si parla di WordPress, di Joomla, di Drupal o di Prestashop le cose diventano più chiare, e vi sarà capitato sicuramente di ricevere notifiche di aggiornamento in passato.

Di solito si ha un rapporto con gli aggiornamenti un po’ “traumatico”; a volte aggiorniamo il computer e questo va più lento di prima, o aggiorniamo un’app su iPhone e questa non funziona più; i CMS, però, vanno aggiornati magari con il supporto di un tecnico specializzato, e adesso vediamo perché.

Le nuove funzioni

Quando si aggiorna un CMS vengono introdotte delle nuove funzioni, che poi sono la cosa che salta più all’occhio. Alcune magari possono essere utili, altre possono non sembrarlo, ma comunque si tratta sempre di possibilità in più che abbiamo, quindi perché non sfruttarle?

La risoluzione di bug

Nella lista degli aggiornamenti di un CMS, alla fine delle nuove funzioni si trova anche una criptica frase chiamata “Risoluzione di Bug”. Se hanno risolto dei problemi significa che questi problemi, effettivamente, c’erano, e che se non aggiorniamo stiamo usando una versione con problemi, soprattutto sul piano della sicurezza. I problemi informatici, infatti, possono permettere a chiunque sappia farlo di entrare nel nostro CMS, nel nostro sito, senza consenso, e di copiare dati riservati o addirittura modificarli per farci screditare agli occhi degli utenti. Potrebbero anche pubblicare post su Facebook e Twitter a nome del sito. Meglio evitare, no?

L’adeguamento ai nuovi browser

I browser web, come Firefox o Chrome, spesso vengono aggiornati, così come a volte arrivano alle masse dei browser completamente nuovi come Edge di Windows 10. Questi browser hanno delle richieste, a cui i CMS devono adeguarsi, e lo fanno nel corso dei nuovi aggiornamenti; se non aggiorniamo, quindi, rischiamo che i siti vadano lenti, o scattino, risultando così inutilizzabili dagli utenti che magari sfruttano un nuovo browser, con conseguente perdita di visitatori. Non ha, quindi, molto senso non aggiornare se dobbiamo perdere visite.

Quando aggiorniamo dopo tanto tempo bisogna mettere tutto a posto

Se aspettiamo diversi mesi, o addirittura anni, prima di aggiornare nuovamente un CMS, scopriremo che molte delle estensioni che utilizziamo saranno obsolete e che ci sarà bisogno di un grande lavoro per rimettere tutto a posto e per sostituirle con altre. Aggiornando ogni volta, invece, il lavoro sarà minimo.

In ogni caso, sempre meglio farci aiutare da un tecnico specializzato quando effettuiamo l’aggiornamento: alcune estensioni potrebbero non essere ancora adeguate alle nuove versioni del CMS, per cui vanno cambiate o bisogna agire in qualche altro modo, che ovviamente chi fa questo di lavoro conosce benissimo.

Per cui, vale la pena di perdere un po’ di tempo con l’aggiornamento e farci aiutare, piuttosto che lasciar perdere tutto e dover poi spendere cifre altissime per “ristrutturare” il sito, in futuro.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

1 Comment

0

Post A Comment