Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-14-dic-2015-1700.jpg

Come migliorare il modulo contatti del tuo sito web

L’obiettivo di chi ha un sito web, qualsiasi, è quello di guadagnare. Non si guadagna solo soldi, si guadagna anche la fama, la conoscenza, ma in ogni caso sia che si vendano dei prodotti, sia che ci si basi sulla pubblicità, sia che si faccia pubblicità a noi stessi e a ciò che facciamo è importante che la gente ci conosca.

Uno dei migliori modi per farci conoscere, come ben sappiamo, è quello di utilizzare un modulo contatti, che permetta alle persone di iscriversi al nostro sito per ricevere magari un beneficio immediato ed informazioni su di noi; quello che ci interessa, però, è che queste persone ci forniscono i loro dati che possiamo utilizzare come meglio crediamo per le nostre future campagne pubblicitarie.

Ma le persone non sono inclini naturalmente ad iscriversi ai moduli contatti: bisogna quindi fare noi in modo che si iscrivano, e questo possiamo farlo se seguiamo una serie di regole per creare, e migliorare, il modulo contatti del nostro sito. Regole come quelle che vi diciamo.

  • Ridurre i campi da compilare è la prima regola da seguire. Le persone devono avere come prima impressione che l’iscrizione duri un paio di secondi, e che non richieda granché. Se io metto un modulo contatti con 15 campi, non lo riempirà nessuno. Se io invece chiedo un nome e una mail, o anche solo una mail, la percentuale di iscritti salirà notevolmente.
  • Se proprio non posso ridurre i campi, ad esempio perché mi interessano dati statistici, è preferibile dividere in due o più parti il modulo stesso. Nella prima pagina si chiede solo la mail, e in alto si mette una barra con scritto 1/3, 2/3, 3/3 per le varie pagine. Si avrà così l’impressione che sia una cosa veloce, anche se in realtà i campi da riempire sono 6 o 7.
  • Molto importante è anche evitare un sistema che in molti usano per fermare lo spam: il Recaptcha. Quelle fastidiosissime parole da reinserire, e che poi alla fine non funzionano mai perché sono impossibili per noi da leggere… Meglio utilizzare il form “Non sono un robot” proposto da Google, che richiede un clic e al massimo una selezione di due immagini da una griglia. Tutto dura solo qualche secondo.
  • È infine importante mettere il form nel posto giusto nel sito. Deve essere posizionato in modo che quando un utente finisce di leggere, sia naturale iscriversi alla pagina: se ciò che è scritto è poco (ad esempio, in un eCommerce dove sono tutte descrizioni) è conveniente metterlo in alto, mentre per un articolo pubblicitario è meglio metterlo alla fine della pagina.

Questi consigli sono molto semplici ed immediati, ma possiamo assicurare che anche il semplice spostamento del modulo da destra a sinistra, o dall’alto in basso nell’ambito di una stessa pagina fa anche raddoppiare o dimezzare gli iscritti: insomma, una questione che per quanto semplice non va sottovalutata in fase di creazione del proprio sito web.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment