Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-29-set-2015-2038.jpg

Registrare dominio .best: il dominio per i migliori prodotti

The best. Un’espressione che, specialmente tra i più giovani, sta molto prendendo piede in questi anni, perché va ad indentificare in qualunque modo il migliore: il miglior alunno, il migliore del gruppo, il più bello, il più bravo, magari in una squadra sportiva… Un po’ come dire “numero uno”.

Un’accezione quindi molto positiva, così positiva che ne è nata addirittura un’estensione dominio, che è appunto il dominio .best. Dominio che non impine particolari vincoli nella registrazione, ma che ha una particolarità rispetto a quelli che vanno ad identificare un settore ben preciso: è molto costoso.

Effettivamente, si va ad identificare qualcosa come “migliore”, senza nessuno che lo certifichi obiettivamente: insomma, è chiaro che se io voglio identificare un prodotto come migliore senza sottopormi a giurie particolari devo pagare. L’alto prezzo è dovuto chiaramente alla forte richiesta per domini di questo genere, ed è secondo solo al settore dei domini dove circola più denaro, che è quello del materiale per adulti.

Chiaramente la quota di base annuale per un dominio non è mai una spesa che può mandare in fallimento un’azienda (parliamo comunque di 90 euro all’anno, all’incirca) ma è comunque un costo, costo che va fatto fruttare. E per farlo fruttare dobbiamo avere un prodotto che fa parte di una categoria o comunque dobbiamo cercare di vendere prodotti appartenenti ad un particolare settore.

Facciamo un esempio: immaginate un sito chiamato televisore.best, oppure frigorifero.best. Che opinione avete di un sito del genere? Il consumatore medio, che mastica un minimo di inglese, avrà l’opinione che su quel sito siano presenti i migliori televisori, o il migliore televisore, o frigorifero, in circolazione.

Può essere anche utile come brand protection per un’azienda, se ad esempio io creo un sito che si chiama Fiat.best ad affiancare Fiat.it (qualcuno potrebbe approfittarne per proporre modelli di auto diverse, o potrebbe essere un concessionario e non l’azienda vera e propria, o un rivenditore non autorizzato; Fiat era ovviamente un esempio di azienda).

Un buon modo per ripagare la spesa annua del dominio è questa: creare un sito che si occupa di recensioni dei prodotti, cui ovviamente il nome rimanda, e cercare di stabilire quali siano i migliori, magari in base alle esigenze dei consumatori, tramite una serie di recensioni. Gli acquisti ovviamente rimanderanno alla nostra azienda, o ad un’azienda affiliata, generando un ritorno per ogni vendita: un po’ di pubblicità mirata e il gioco è fatto.

Altra idea, ma in questo caso bisogna avere un’azienda, è quella di proporre nel sito solo un prodotto, identificandolo come “il migliore” ed elencandone le caratteristiche. Alcuni, più scettici, cercheranno anche prodotti concorrenziali, ma qualcuno sfrutterà l’occasione ripagandoci il costo del dominio. E perché, allora, non provarci andando subito a registrare il dominio .best più adatto alle nostre esigenze?

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment