Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-20160118190151358.jpg

Registrare dominio .cooking: il dominio per chi cucina e vuole farsi conoscere

In questi anni, i cuochi vanno più di moda dei cantanti e degli attori, rispetto a qualche anno fa. Siamo un paese dalla buona tradizione culinaria, e sebbene questa sia una tendenza mondiale in Italia ha attechito particolarmente, facendo riscoprire agli italiani la passione per la cucina e inducendo molti a voler addirittura cambiare lavoro per dedicarsi a ciò che amano di più.

Tante persone pensano che l’occasione della vita sia solo e unicamente vincere Masterchef (…) ma chi ha un minimo di logica sa benissimo che, come in tutte le cose, la televisione può aiutare, ma aiuta il giusto. Per emergere in un ambito ci vogliono tanti sacrifici, voglia di imparare e soprattutto il saper farci conoscere per poter lavorare al cospetto di persone che hanno qualcosa da insegnarci.

Chiaramente, non siamo qui per dare lezioni di cucina, ma per parlare di pubblicità online: è infatti possibile, con il dominio giusto, creare un portale che raccolga tutte le nostre creazioni, le nostre idee, le foto dei nostri piatti, e l’estensione perfetta per un sito del genere è l’estensione .cooking.

Anche se si tratta di una parola non italiana, bisogna considerare che la cucina è un ambito internazionale e che quando ci occupiamo di questa attività i limiti geografici sono molto labili, perché girare per il mondo significa poter conoscere culture, tradizioni e anche ingredienti nuovi per fare un passo in avanti in senso culturale.

Il dominio .cooking, quindi, permette di avere un indirizzo che identifica immediatamente quella che è la nostra attività (cucinare) ed è particolarmente ben combinato con il nostro nome e il nostro cognome: un sito del tipo mariorossi.cooking farà capire immediatamente a chi dovesse guardare il sito, sia esso un utente comune o uno chef stellato che lo raggiunge a partire dal nostro curriculum vitae (sul quale, chiaramente, il sito va pubblicizzato), di capire prima di tutto che siamo professionisti del settore (rispetto all’aprire una pagina Facebook o all’aprire un dominio di secondo livello così non si paga… Si risparmiano solo una ventina di euro! Vale la pena, e poi avremo un sito da “barboni”?), poi che la nostra attività è quella che che non abbiamo paura di associare il nostro nome.

Si tratta di una forma di pubblicità particolare, ma bisogna considerare che in questo ambito c’è molta concorrenza e che chi cerca di emergere lo deve fare in un certo modo per non ritrovarsi a lavorare nall’Osteria da Gino a fare la carbonara ai camionisti: insomma, se si cerca di salire oltre il livello normale, ci vuole impegno, e un buon sito può essere un punto di partenza. Più semplice da realizzare (e più redditizio) che puntare tutto su Masterchef, poco ma sicuro.

Se siete interessati, il dominio .cooking si può registrare da questa pagina del nostro servizio Hosting99.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment