Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-18set2015-0911.jpg

Registrare dominio .eu: la forza dell’Unione Europea

Si può essere d’accordo o meno, politicamente, con le scelte dell’Unioone Europea, in tutti i campi. Fatto sta che, ormai da qualche anno, in Europa ci siamo e dobbiamo prenderne atto. E nonostante le sanzioni che ogni anno vengono fatte al nostro paese e il fatto che con questa istutuzione possiamo avercela un po’ (e non a torto…) bisogna comunque saperne sfruttare i vantaggi.

I vantaggi sono le libere circolazioni, di merci, di persone, di capitali, e questo incrementa sicuramente i commerci tra i paesi esteri che, tuttavia, stanno iniziando adesso, in questi anni, a capire come gli scambi commerciali possano essere vantaggiosi rispetto a quelli nazionali, magari per portare in un paese una cosa che, in precedenza, non esisteva.

In questo senso, utilizzare il sito come biglietto da visita ci dice quanto sia importante avere un dominio .eu: si tratta del dominio ufficiale europeo, e può essere sottoscritto da tutti, con l’unico requisito di essere residenti o cittadini di uno dei paesi dell’Unione Europea. Da non confondere con il dominio di secondo livello dell’istituzione, che è .europa.eu, si tratta di un’estensione dal basso costo caratterizzata da importanti vantaggi.

Il primo è la possibilità di creare un sito che venga riconosciuto come “proprio” dai cittadini di vari paesi dell’Unione: creare un sito .eu, chiaramente tradotto in diverse lingue, significa che sia il francese, sia il tedesco, sia l’italiano che ci entra e che sceglie la bandiera del suo paese troverà le informazioni a cui è interessato, nella propria lingua e con la possibilità di poter usufruire dei servizi presenti su quel sito indipendentemente dal paese in cui si trova.

Per il webmaster è chiara invece l’opportunità di poter tenere un sito, magari tradotto in varie lingue, quello si, ma allo stesso tempo un sito solo, e non tanti siti. Inoltre se io volessi creare tanti siti come .it, .de, .fr e via dicendo sicuramente dimenticherei qualche paese dell’Unione, che sono veramente tanti, che rimarrebbe quindi in qualche modo “fuori dal mio giro”. Quante volte voi stessi cliccate su un sito .fr o .de? Su un sito .eu, invece, capita spesso di entrare. Questa è la differenza: fornirete in pratica al vostro sito un’identità europea, che a rutti gli effetti ha un suo valore.

Il dominio .eu esiste dal 2005, mentre ad oggi non è possibile utilizzare i sottodomini nazionali per identificare una certa pagina, come .it.eu oppure .fr.eu che, tuttavia, potrebbero essere resi disponibili in futuro.

Se siete interessati, è possibile registrare un dominio .eu da questa pagina di Hosting99, scoprendone i costi e potendo al bisogno consultare gli esperti del nostro servizio per avere informazioni ulteriori.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment