Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

Linux-Web-Hosting

Perchè scegliere un hosting Linux?

Quali sono le motivazioni che spingono molti webmaster a fare uso di un hosting Linux? Le statistiche sull’uso dei server, le testimonianze degli esperti ed il lavoro quotidiano compiuto da molti di essi in effetti ne mostrano i vantaggi in maniera del tutto naturale. Le differenze, in altri termini, spesso sono decisamente sostanziali, ed è possibile individuarne un buon numero che possano convincere anche il più indeciso webmaster.

La domanda decisamente spinosa che potremmo porre con questo articolo (e che farà magari discutere appassionatamente i nostri lettori), in effetti, è la seguente: chi è il vero “vincitore” tra hosting con Linux (nelle sue varie declinazioni: FreeBSD, Debian, Ubuntu e così via) e quelli con Windows server? Difficile, oltre che in larga parte scorretto, dare una risposta assoluta, definitiva o univoca. Tutto dipende dal tipo di linguaggio server side di cui necessitate a livello di supporto per il vostro sito o applicazione web. Usate ASP o ASP .NET? Vi serve un hosting con supporto Windows, non ci sono dubbi. Meglio PHP? Usate Linux, ma entro certi limiti può andare bene anche Windows.

Partiamo dalle percentuali di uso dei vari sistemi operativi sugli hostin (fonte): per quanto i dati siano discordanti e molto poco uniformi, Linux è uno dei prodotti software più usati in ambito hosting, ed ha trovato negli anni particolare affermazione per via della sua diffusione in termini di prodotti free ed open source di ogni genere, spesso sviluppati nativamente sotto questo sistema operativo. Linux offre numerosi vantaggi all’utente del sito (particolarmente per il webmaster o amministratore), tra cui il supporto nativo a linguaggi usatissimi e standard de facto come PHP, Ruby, Ruby on Rails, Perl o Python, e la mancanza di costi aggiuntivi per le licenze. L’ideale, quindi, per avviare progetti in cui ci si vuole concentrare sui contenuti, sul “cosa” piuttosto che sul come, anche se per certe tipologie di applicazioni specializzate, gli hosting Linux per configurazioni particolari si pagano in termini di assistenza. Le applicazioni solite, come i blog, i forum ed i CMS (anche con personalizzazioni), sono invece l’ideale per l’ambiente con il pinguino, e nei prossimi punti vedremo anche meglio il perché.

In generale:

  • 1) gli hosting Linux sono estremamente flessibili, manutenibili e sicuri (anche se quest’ultimo aspetto non in automatico, solo a certe condizioni)
  • 2) gli hosting Linux sono stabili, e permettono di realizzare più facilmente siti web che abbiano elevati uptime e non debbano continuamente essere riavviati.
  • 3) i software lato server richiesti sotto Linux si possono configurare con procedure standardizzate e pubblicamente note (si veda il nostro precedente articolo sull’open source);
  • 4) esiste di solito una migliorata facilità d’uso dei prodotti, dei client FTP e del pannello di controllo sotto Linux.

Inoltre, dal lato più prettamente tecnico:

  • 1) Linux offre tra l’altro il miglior controllo dei permessi dei file con CHMOD. Il controllo dei permessi sui file avviene mediante il comando CHMOD, e questo sia mediante SSH che via FTP: in Windows esiste di solito un permesso di semplice lettura e/o scrittura, il che va bene comunque nella pratica (ad esempio per WordPress o Joomla), ma non si riscontrano in questo ambiente i vantaggi delle distribuzioni open source più usate per gli hosting. Pensiamo a Debian, Ubuntu o altre che sono Linux based e che permettono una sicurezza maggiore e meglio codificata di quanto avvenga nell’altro caso, e con qualche accortezza possono migliorare sensibilmente il livello di sicurezza del sito, impedendo di default a client non autorizzati di caricare file arbitrari.
  • 2) Linux tende ad essere più veloce e performante di altri sistemi operativi lato server.
  • 3) Per quanto la sicurezza sia tutt’altro che da sottovalutare, tipicamente non abbiamo bisogno di software antivirus su Linux, e siamo molto più tranquilli dal punto di vista della sicurezza: per quanto l’eccezione sia sempre dietro l’angolo, è più complicato (anche se non certo impossibile!) infettare i sistemi Linux rispetto agli altri.
  • 4) Gli appinstaller (tipo Softaculous o Fantastico) vi permetteranno di installare in pochi click Joomla!, Magento, WordPress e così via, e sono spesso disponibili solo esclusivamente in ambiente Linux.

Se siete dei webmaster alle prime armi, in particolare, quest’ultima opzione non dovrebbe essere sottovalutata: scopritela ad esempio per WordPress cliccando su questo link!

condividi!

AUTHOR - WEB Hunter

No Comment

4

Sorry, the comment form is closed at this time.