Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-11giu2015-1459.jpg

Cookie Law: ecco cosa fare per mettersi in regola

Lo scorso 3 Giugno è stata una data importante per tutti coloro che gestiscono un sito internet e che basano, anche in minima parte, i loro introiti sugli annunci pubblicitari, anche quelli molto comuni come Google Adsense.

In pratica l’autorità garante per la privacy italiana, basandosi su una direttiva europea, ha imposto a chiunque gestisca un sito di inserire un annuncio (lo avrete sicuramente notato su moltissimi siti, in questi giorni) che informa l’utente che sul sito si utilizzano i cookie e che verranno raccolte delle informazioni dalla sua esperienza di navigazione per scopi pubblicitari.

A parte l’inutilità di questa informazione, visto che credo nessuno degli utenti comuni vada poi a “saperne di più” relativamente a quanto scritto sulla barra, i webmaster devono adeguarsi. Se non lo fanno sono previste sanzioni che vanno da 6000 a 120000 euro, in grado di affossare anche il sito più solido.

È troppo tardi per adeguarsi? Beh, la normativa è già in vigore da qualche settimana, ma dipende se il nostro sito viene trovato. Cioè, ancora oggi, dopo anni di legge, si può girare in auto senza cinture, ma se ti trovano ti multano, e qui è la stessa cosa. Per questo motivo se avete un sito vi conviene adeguarvi quanto prima alla nuova legge.

Cosa comporterà l’adeguamento alla normativa ai fini della navigazione sul sito? Fondamentalmente il fatto che i cookie non verranno caricati fino ad esplicita accettazione dell’utente, accettazione che potrà essere fatta sia per mezzo di in clic sulla barra, per informarsi maggiormente sulla normativa, sia tramite una qualsiasi altra azione attiva, come continuare a scorrere la pagina o entrare su un qualsiasi link.

Ad una qualsiasi di queste azioni, prima della quale i cookie non possono essere caricati (perché l’azione attiva corrisponde all’accettazione al caricamento dei cookie per l’utente) avverrà un ricaricamento veloce della pagina web, con il quale verranno caricati i cookie, e la navigazione continuerà come di consueto.

In realtà alla fine per un utente non è che cambi granché, perché lui visualizzerà solo una barra in alto la prima volta che viene sul sito, che non comparirà più nelle navigazioni successive, per i 12 mesi seguenti.

Per l’editore però le cose cambiano, eccome, perché deve obbligatoriamente implementare questo sistema, se non vuole rischiare una multa salatissima. Per farvi aiutare nell’adeguamento del vostro sito alla normativa potete utilizzare due metodi.

Il primo, che richiede alcune basi di programmazione, è quello di utilizzare gli strumenti che ci vengono dati da Google, le cui informazioni sono disponibili su questo sito creato da Google stessa; in alternativa potete chiedere il supporto agli esperti di Hosting99, che vi forniranno tutte le informazioni in modo specifico e personalizzato per l’adeguamento.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment