Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-12-gen-2016-2000.jpg

Facebook Messenger SDK: come cambierà il servizio di messaggistica in futuro?

Se avete uno smartphone ed utilizzate Facebook, avrete sicuramente notato che sui vari store per cellulare non è presente una sola applicazione relativa al social network blu: ce ne sono due (principali), che nonostante siano entrambe molto simili, vengono mantenute separate.

Sono l’applicazione ufficiale di Facebook, dove possiamo consultare anche la nostra bacheca, e Facebook Messenger, un’applicazione di cui molti ancora si chiedono il senso, visto che Facebook ha già un’altra utilizzatissima applicazione per la messaggistica istantanea, che è WhatsApp.

Il perché del mantenimento di Facebook Messenger non è ben chiaro a tutti, ma da qualche tempo la sua funzione sembra divenire sempre più importante in relazione non tanto alla possibilità di parlare con altri utenti, cosa che si può fare in tantissimi modi diversi, ma di interfacciarsi con tante realtà tra cui quella di poter comunicare direttamente con le aziende, per averne, da utenti comuni, un ritorno in termini di servizi.

Questo è possibile grazie a Facebook Messenger SDK, ovvero un sistema che può essere utilizzato dagli sviluppatori e che permette di impostare dei contatti a cui gli utenti possono inviare dei messaggi, quindi ricevere delle risposte automatiche e personalizzate, nel caso acquistando anche dei servizi.

Facciamo qualche esempio: se una società di trasporti che ha gli autobus mette a disposizione l’interazione con Facebook Messenger un utente qualsiasi cosa può acquistare un biglietto della validità che preferisce semplicemente inviando un messaggio su Facebook Messenger all’account messo a disposizione dall’azienda: i soldi del biglietto verranno scalati dal credito Facebook mentre l’azienda saprà che quell’utente ha effettivamente acquistato il biglietto.

Questo metodo si presta ad una serie di utilizzi diversi, uno dei quali è l’integrazione con Uber, il celebre servizio che permette agli utenti di noleggiare un passaggio fornito da altri utenti, anche se in Italia attualmente con Uber abbiamo dei problemi per via dei tassisti.

Ma praticamente qualunque sviluppatore potrà utilizzare questo sistema, e questo significa che futuro con un semplice messaggio potremmo ad esempio acquistare i biglietti per andare al cinema, acquistare i biglietti per l’aereo, ricevere informazioni personalizzate sul traffico o sul meteo o sull’orario di apertura dei negozi, oppure sulle offerte in corso e sui saldi, per un sistema che si porrà a vari livelli di complessità.

Ai livelli più semplici avremmo semplicemente delle risposte automatiche che non vanno in base a ciò che l’utente effettivamente scritto nel suo messaggio, mentre alcuni sviluppatori potranno utilizzare questo sistema in modo più complesso e fare in modo che le informazioni fornite, ricordiamo in modo del tutto automatico, possano essere personalizzate in base a ciò che l’utente ha scritto.

Un metodo che, quindi, risulta comodo e veloce per avere a tutti gli effetti un sistema di intelligenza artificiale nelle nostre tasche, che mette in comunicazione privati e aziende, e che cambierà sicuramente il modo di interagire con esse, nel prossimo futuro.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment