Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

image

Facebook penalizzerà i siti più lenti: ecco perché e come evitarlo

Nell’era del “voglio tutto e subito”, la lentezza non è ammessa. Da nessuna parte, quindi nemmeno nel web.

Già in passato vi abbiamo parlato dei siti lenti, e di come sia importante fare attenzione a velocizzarli per non rovinare l’esperienza utente nell’ottica in cui, se un sito non si carica abbastanza velocemente, si esce e si passa ad altro. Ma in passato questo aspetto era solamente un problema di User Experience che volevamo offrire noi, mentre oggi si innalza ad un altro livello.

E la notizia viene nientemeno che da Facebook, che ci fa sapere che in futuro (anche se non c’è ancora una data precisa) penalizzerà tutti i siti web che sono troppo lenti nel caricamento.

Il motivo, spiegato da Facebook stessa, è quello che possiamo immaginare: i siti lenti danneggiano l’esperienza dell’utente, specialmente quando si naviga da mobile; l’applicazione per smartphone è infatti utilizzata tantissimo dagli utenti, e questo significa che quando consultano i siti hanno poco tempo di farlo; un sito lento metterebbe in cattiva luce il social network direttamente.

Insieme ai siti lenti, è stato fatto anche qualche accenno ai siti non ottimizzati per mobile: visto che è un altro problema nel momento della navigazione, per gli utenti, questi siti potrebbero essere penalizzati esattamente nello stesso modo di quelli che si caricano troppo lentamente.

Ma dove andrà a colpire questa nuova mossa di Facebook?

A quel (poco) che sappiamo, sembra che interesserà maggiormente i siti che si pubblicizzano tramite Ads, uno strumento molto utilizzato dagli sviluppatori. In pratica, se io pago per pubblicizzare il mio sito web, questo poi comunque verrà pubblicizzato poco e solo in mancanza di alternative, se il caricamento è troppo lento. Insomma, pago per avere un servizio scadente.

Secondo altre voci, invece, addirittura un sito troppo lento potrebbe essere rifiutato in fase di pubblicità, così da costringere gli sviluppatori, se vogliono pubblicizzarsi, a rendere più veloce il loro sito.

Per quanto riguarda invece la questione del news feed, ovvero i siti che vengono visualizzati nella timeline degli utenti, sembra che su quelli non ci sia una modifica concreta, per cui non verranno penalizzati da quel punto di vista. O, almeno, non verranno penalizzati per adesso, perché in futuro le cose potrebbero cambiare anche da questo punto di vista.

E nel caso aveste un sito troppo lento e non voleste incorrere in queste penalizzazioni, come potete fare?

La risposta la trovate in questo articolo, dove abbiamo spiegato come ottimizzare i siti web troppo lenti: in questo modo, quindi, riuscirete a evitare, quando verrà introdotta, questa fastidiosa penalizzazione.

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment