Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-29lug2015-2047.jpg

Gli aggiornamenti di Windows 10 saranno obbligatori (a parte la versione Enterprise)

Anche se generalmente qui su Hosting99 ci occupiamo principalmente di web e di internet, ritengo importante riportare una notizia abbastanza fondamentale, perché chiunque si interessi al web piuttosto che allo sviluppo di siti deve necessariamente lavorare con un computer, e ogni computer ha un sistema operativo. E il sistema operativo più diffuso, checché possa dirne Tim Cook, è ancora Windows.

Windows che in questi giorni sta avendo una grande rivoluzione, perché da appena qualche giorno è stata resa disponibile la nuova versione del sistema operativo, Windows 10, a cui molti utenti, come coloro che hanno Windows 7 o Windows 8, potranno aggiornare in modo completamente gratuito.

Tuttavia una decisione della casa di Redmond che ha fatto storcere il naso a un po’ di gente è il fatto che gli aggiornamenti di Windows saranno d’ora in poi completamente automatici: niente più possibilità di scegliere se effettuarli o meno, a differenza di quanto accadeva con le precedenti versioni del sistema operativo Microsoft. Unica eccezione sembra essere la versione Enterprise che, dedicata agli utenti più esperti e, si immagina, con più criterio, permetterà di scegliere di preciso che cosa aggiornare e cosa no,

Si, perché per chi con il computer ci lavora scegliere se effettuare o meno gli aggiornamenti è una cosa molto importante: sappiamo benissimo come gli aggiornamenti di sistema possono sì apportare benefici, ma anche creare problemi, ad esempio come il malfunzionamento di alcuni programmi.

Capita che, ad esempio, un componente nuovo vada a creare problemi con un programma, ed è successo diverse volte che venisse rilasciato un aggiornamento, alcuni utenti se ne accorgessero e segnalassero, e l’aggiornamento prendesse il nome di “NON AGGIORNATE: l’ultimo aggiornamento da problemi con il programma X, si prega di attendere con l’aggiornamento fintanto che il problema non sarà risolto”. E chiaramente una persona aspettava, pena l’impossibilità di utilizzare quel programma magari per un paio di settimane, finché il problema non fosse stato risolto.

Insomma, è una caratteristica da prendere bene in considerazione. Microsoft ha fatto questa scelta per le versioni più “popolari”, come la versione Home di Windows, perché gli utenti di sicurezza ne sanno zero e se non ci pensa il sistema operativo ad aggiornare non ci pensa nessuno.

Tuttavia, per chi programma e lo fa in modo abbastanza pesante in termini di operazioni, sarebbe bene pensare di spendere qualche soldo in più per acquistare la versione Enterprise del nuovo Windows 10: è vero, è più cara ed è più pensata per le grandi aziende che non per le piccole o per le ditte individuali, ma bisogna sempre tenere presente che perdere alcuni giorni di lavoro o trovarsi in difficoltà per via di un aggiornamento automatico non è una bella situazione.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment