Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

image

WordPress da mobile: si può gestire un sito da smartphone e tablet?

Come sappiamo bene, WordPress è una delle piattaforme più diffuse in assoluto in ambito di gestione dei siti Web, un sistema Open Source che permette a chiunque, senza problemi particolari, di creare e gestire il proprio sito.

La domanda che ci poniamo oggi, però, è questa. Visto che i siti sono molto diffusi tra le aziende e i privati e che devono essere sempre aggiornati con contenuti freschi, è possibile che questi contenuti siano prodotti da mobile anziché da computer fisso? Pensiamoci bene. Sia che siamo un’azienda, sia che siamo appassionati, spesso giriamo su internet, commentiamo su Facebook, o si Twitter, sempre da dispositivi mobili, relegando il computer solo all’ambito lavorativo durante il quale non c’è molto tempo per aggiornare il sito.

Utilizzare WordPress da browser anche da mobile è possibile, ma non è particolarmente comodo, ed è per questo motivo che esistono delle app di WordPress, fino a qualche tempo fa disponibili solo per Windows ed Android, da pochi giorni anche per Mac. Ma come si comportano queste applicazioni?

Le app WordPress

Le app WordPress sono progettate per permettere agli utenti di gestire i propri siti senza problemi particolari.

Si possono creare articoli, inserire immagini, programmare e pubblicare, controllare commenti e statistiche come se fossimo da un sito fisso, mentre sono molto limitate in termini di programmazione e cambiamenti più “profondi”, che si devono effettuare sempre e comunque da computer.

La disponibilità di queste app per i vari sistemi operativi è sicuramente ottima cosa quando abbiamo bisogno di effettuare delle modifiche “al volo” ai nostri articoli, o scrivere post particolarmente corti, ma le abbiamo provate (lasciando perdere la versione Mac) ed abbiamo notato che ancora non raggiungono uno standard qualitativo troppo elevato.

In particolare, a nostro avviso il problema risiede nel fatto che è possibile solamente compiere alcune azioni che i programmatori mettono a disposizione, ma l’app non offre nulla di più rispetto a quanto già offre la versione web di WordPress.

Ad esempio, essendo un’app avrebbero potuto inserire la possibilità di scrivere offline e caricare poi quando c’è linea, avrebbero potuto inserire il supporto ai vari tipi di account (per una persona che non è admin, come un articolista, è impossibile utilizzarla perché compaiono messaggi di errore uno dopo l’altro), avrebbero potuto inserire integrazioni facili con i social network che, invece, non ci sono.

Ad oggi, insomma, nonostante i limiti, è comunque consigliabile utilizzare WordPress da browser piuttosto che dall’app, che anche se risulta meglio organizzata è ancora particolarmente limitata. Un vero peccato, per una possibilità di estendere il servizio che sembra totalmente sprecata, con questo sistema.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment