Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

Photo-20160608202408771.jpg

Snapchat supera Twitter per numero di utenti: ma perché ha così tanto successo?

È di qualche giorno fa una notizia riguardante una delle app di messaggistica istantanea meno conosciuta, tra gli adulti, ma sempre più apprezzata tra i giovani: stiamo parlando di Snapchat, una delle app di messaggistica istantanea più particolari ma che, per numero di utenti, ha superato uno dei social “classici”, qualche anno fa il secondo nella classifica dei più utilizzati: Twitter.

Ma perché questa particolare chat ottiene così tanto successo, mentre molti l’hanno scaricata e hanno visto che è confusionaria e non ha molto senso di esistere, almeno secondo il loro modo di vedere?

Ecco una serie di motivi per i quali, specialmente gli adolescenti, apprezzano questo sistema.

  • I messaggi si autodistruggono: è la funzione principale del social, quella di poter vedere i messaggi solamente per pochi secondi prima che questi scompaiano. In questo modo tutto è istantaneo, si “vive il momento”. Se il destinatario fa uno screenshot della foto che abbiamo inviato, arriverà una notifica al mittente.
  • Non c’è necessità del numero di telefono: l’app lo richiede, ma poi non va a frugare tra i contatti per cercare le persone come fa Whatsapp, per cui per i giovani è meno facile essere individuati e controllati dai genitori.
  • Ci sono tantissimi filtri: i filtri, gli oggetti che si possono inserire nelle foto e addirittura la possibilità di disegnare con un pennarello sulle fotografie sono un sistema che ricorda i “disegnetti” che si fanno a scuola per mostrarli all’amico e poi cancellarli. Qui si possono fare in versione digitale.
  • È immediata da usare: l’utilizzo di Snapchat è davvero immediato, è proprio istantaneo, si apre l’app e siamo sibito nella schermata della fotocamera, senza opzioni particolari. Insomma, si scatta e si invia, senza perdite di tempo.
  • Si può entrare in contatto con persone sconosciute senza pericolo: se, come sappiamo, dare il nostro nome e cognome su Facebook o il nostro numero su Whatsapp per entrare in contatto con sconosciuti può essere molto pericoloso, perché condividiamo i nostri dati personali, qui non succede, e questo permette di conversare con tutti in modo praticamente anonimo.

Dal punto di vista del marketing, infine, c’è una speranza di utilizzare questo social anche come sistema per pubblicizzare il nostro sito web: da qualche tempo, l’app consente di creare dei canali che chiunque può seguire, e che possono essere utilizzati per inserire delle “storie” che gli utenti seguiranno, magari con messaggi pieni di link che rimandino al nostro sito o al nostro servizio.

Non è ancora un sistema così utilizzato, ma con un numero di utenti in così rapida crescita immaginiamo che questo modello non faticherà certo ad imporsi.

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment