Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

tempo-chiavi-1320x800_c

Come aumentare il tempo di permanenza sul tuo sito web

Uno dei parametri che spesso i webmaster non considerano, ma che viene sempre più preso in considerazione sia dai motori di ricerca, come ad esempio Google, sia dai social network come Facebook per promuovere i contenuti più interessanti è quello del tempo di visita di un sito.

Calcolarlo, per questi siti, non è difficile: quando clicchiamo su un link smettiamo di navigare sul sito principale (Facebook, Google) e parte in automatico un timer, che si interromperà quando l’utente tornerà a fare qualcosa sul social. Semplice, ma efficace.

Se, consultando Analytics relativo al tuo sito, ti rendi però conto che il tempo medio di permanenza sul sito è piuttosto basso, nell’ordine dei secondi, come puoi fare per renderlo più lungo? Ecco alcuni consigli.

Crea contenuti lunghi e interessanti

E’ vero che Google non valuta tantissimo la lunghezza dei contenuti per la SEO, ma in generale se un contenuto è lungo e interessante il tempo di permanenza degli utenti aumenterà.

Questo significa che se riporti una notizia che magari è comparsa su tantissimi altri siti ma ci metti del tuo, inserendo anche qualcosa di particolare o meno conosciuto, il tempo di permanenza aumenterà perché gli utenti trovano qualcosa che non hanno trovato altrove.

Rendi il sito responsive

Se nel tuo ufficio hai una connessione molto veloce, come la fibra ottica, non è detto che gli altri utenti la abbiano anche loro. Lo stato delle connessioni, in Italia, non è buono, e questo significa che c’è necessità di venire incontro agli utenti stessi riducendo ad esempio la dimensione delle immagini e dei contenuti.

Insomma, rendendo il sito dinamico e molto veloce da navigare (bisogna sempre provare con connessioni lente, per essere sicuri) alcuni degli utenti che prima lasciavano il sito perché si caricava in troppo tempo ora lo leggeranno, e il sito avrà guadagnato delle visite.

Utilizza i link interni

I link interni, cioè parti dell’articolo che rimandano ad altre parti del sito, sono molto interessanti ed utili sia per gli utenti, che troveranno contenuti correlati, sia per la SEO, perché rafforzano la struttura del sito.

Ma soprattutto sono importanti per aumentare il tempo di permanenza: se un utente che entra nel sito per leggere un articolo poi alla fine ne legge 3 o 4, avremo guadagnato molto da questo punto di vista. Senza contare, poi, che visualizzerà più volte i nostri banner e i nostri link affiliati, per cui ci darà anche la possibilità di guadagnare qualcosa in più, anche con una sola visita.

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment