Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

wpid-Photo-22lug2015-2218.jpg

Hai un bar, un’edicola o una tabaccheria? Con Indabox aumenti i tuoi ricavi (e i tuoi clienti)

Spesso ci occupiamo, sulle nostre pagine, di marketing per attività commerciali non online, come ristoranti, bar, ferramente, commercio in generale.

Solitamente lo facciamo in relazione al sito internet, al raccogliere clienti, al web marketing, ma in un’epoca, come quella che stiamo vivendo, in cui il confine tra ciò che è virtuale e ciò che è reale si assottiglia sempre di più voglio parlare di Indabox, un interessantissimo servizio utile sia agli utenti che richiedono la consegna di acquisti effettuati online, sia ai commercianti locali, che possono guadagnare qualcosina in più facendo praticamente nulla.

Il servizio Indabox va a risolvere un problema molto comune: quello che quando una persona acquista un prodotto online di qualsiasi tipo deve poi stare a casa ad aspettare il corriere o, in alternativa, andarsi a prednere il proprio pacco al deposito più vicino che a volte si trova a 30, 40, 50 km di distanza. Chi ha inventato Indabox si è chiesto: ma c’è qualcuno che potrebbe ricevere i pacchi, che c’è sempre, che non sia possibile non si faccia trovare? E la risposta è semplice: il bar, o il negozio di alimentari, o la tabaccheria che si trova sotto casa!

Così ha messo in piedi un sistema molto interessante: in pratica, io-cliente effettuo il mio acquisto, tipo su Amazon o eBay. Vado quindi sul sito di Indabox e cerco un’attività commerciale sotto casa mia, o comunque molto vicina. E se ne trovano, magari se state in un paesino la trovate nel paesino accanto. Invece di mettere come indirizzo di spedizione il mio, di casa, metto quello dell’attività, del bar o della tabaccheria che ho trovato. Poi avverto, tramite il sito o l’app, Indabox che il mio pacco arriverà al bar X. Loro chiamano il bar e lo avvertono di aspettare il pacco per Tizio Tizi, che sarei io, poi io vado a ritirarlo quando più mi è comodo finché il bar è aperto. Quanto mi costa? Solo tre euro, con il primo ritiro gratuito.

Vedendo quindi la situazione dal punto di vista dell’attività, le cose si fanno interessanti: un’attività guadagna ben 1,50 euro per ogni pacco che ritira e poi consegna (ma senza muoversi dal negozio) all’acquirente, in modo molto semplice. L’altra metà la prende Indabox.

Potrebbero sembrare pochi, ma valutate il business: prima di tutto un’opportuna campagna di volantinaggio nelle cassette della posta che vi circondano potrà far conoscere il servizio che voi fate (tipo “Ordini il tuo pacco e il corriere lo aspetto io!”) e per ogni consegna vi prenderete i soldi di Indabox, peraltro attirando nel negozio anche persone che normalmente non ci sarebbero mai venute.

Poi, una persona che viene, cosa fa, non prende un caffè, non paga la bolletta già che è lì, o non prende le TicTac? Difficile che capiti. Così, oltre all’euro e cinquanta di Indabox vi prenderete anche qualche altro soldino per via di questi acquisti. E comunque è sempre un nuovo cliente.

Vi sembra un servizio da buttare? A me sinceramente no, per nulla. Potete iscrivervi come una delle attività commerciali convenzionate utilizzando la scheda “Hai un bar? di Indabox, raggiungibile da qui. E buona fortuna!

 

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment