Archivi

Ultimi Commenti

Categorie

Blog

image

SEO su YouTube e Linkedin: ecco a cosa prestare attenzione

Quando parliamo di SEO, l’ottimizzazione per i motori di ricerca, ci riferiamo solaitamente ai siti web i cui testi devono essere scritti in modo tale da favorire la loro comparsa nelle prime posizioni del motore di ricerca.

Si tratta di una pratica che, però, non è importante solamente sui siti web, ma anche in ciò che scriviamo sui social network, o quantomeno su alcuni social. Facebook, ad esempio, è escluso perché Google non indicizza i suoi risultati (che spesso nemmeno si possono leggere, se non siamo iscritti).

I contenuti di YouTube, piattaforma di Google, vengono però utilizzati, e anche quelli di una piattaforma professionale come Linkedin, che sono pubblici (a meno che un gruppo sia chiuso al pubblico, ovviamente). Sono risultati che si trovano sempre a partire da Google, per cui anche quando scriviamo testi su questi social bisogna fare attenzione a degli aspetti ben precisi, perché vengano trovati dalle altre persone che navigano.

YouTube

Come quando si fa il titolo per un articolo del sito, bisogna fare attenzione che la keyword principale per cui vogliamo il video compaia in relazione alle ricerche sia contenuta nel titolo del video stesso, cercando di togliere tutte le parti che sono superflue per non appesantire.

La descrizione, invece, va trattata come se fosse un testo del sito, ovvero keyword all’inizio, poche parole e descrittive del contenuto del video, così da far capire subito al motore di ricerca che cosa contiene.

Sono poi molto importanti i tag, e come accade per i siti web anche il nome del file video che si carica: diamo al file (mp4, mpg) il nome che ha il titolo del video, perché anche se nessuno vede il nome del file il parametro sembra essere molto importante per la SEO.

LinkedIn

Per quanto riguarda invece il social network professionale, con particolare riferimento a Linkedin Pulse che, a tutti gli effetti, è un blog, ci sono anche in questo caso dei segreti per far trovare ciò che scriviamo su Google.

In questo caso, ciò che conta è il tag title della pagina, che Linkedin permette di inserire e che deve contenere le stesse keyword del titolo della pagina, pur non essendo uguale.

Molto importante è anche il sommario, che deve essere attivato perché per Google ha un valore di descrizione della pagina, e gli H2 devono ovviamente contenere le parole più importanti.

Infine, sono importanti gli anchor text, perché arrivano da Linkedin e possono dare molto valore al contenuto, se collegati ad altri siti tematici: inoltre, rappresentano un utile approfondimento per chi legge.

condividi!

AUTHOR - Redazione

No Comment

0

Post A Comment